Con il software usato di li-x, i rivenditori forniscono un registro delle cessioni della licenza a prova di audit

Con la vendita di licenze software legittime e convenienti di seconda mano, i rivenditori offrono ai loro clienti una vera alternativa all’acquisto di un prodotto nuovo, a prescindere che sia distinto oppure in un pacchetto.

La scorsa settimana, la corte d’appello di Düsseldorf si è pronunciata sulla discussa sentenza della causa “Usedsoft contro USC”. Il consulente in materia di licenze, in una notizia diffusa dai media, ha raccomandato «prudenza nell’acquisto di licenze di volume distinte», al quale venne comunque già dato il via libera dalla Corte suprema federale nel 2014.

La compravendita di software usato è legale, e questo include la compravendita di licenze di volume.  Considerando l’acquisto e la rivendita di software usato, è quindi completamente irrilevante se si tratta di licenze di volume acquistate singolarmente o in un pacchetto.

Tuttavia è importante che tutta la documentazione sia fornita per esporre le condizioni relative all’esaurimento.  I clienti possono stare veramente sicuri solo quando un fornitore come li-x riconosce il bisogno di trasparenza durante tutte le fasi del processo, anche in caso di audit.

25.07.2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.